lunedì 7 settembre 2015

Southpaw L'ultima sfida

Posted By: Giangiotto Malatesta - 14:33

Share

& Comment


Questo è un film di Antoine Fuqua, regista dello splendido Training Day. Come protagonista c'è Jake Gyllenhaal e come grillo parlante c'è Forest Whitaker. Ho voluto vederlo subito e ho avuto grandi aspettative per questo film. Diamo subito il verdetto: un otto risicato.
Sfortunatamente pesano degli errori gravi nella realizzazione; 

  1. Southpaw, che è il nome del film è un tipo di guardia "al contrario" in cui è il piede destro il piede più avanzato. Ebbene nel film compare solo una volta questo tipo di guardia e da parte di un supercomprimario.
  2. Nella boxe non si può continuare a combattere se ci sono ferite da cui fuoriesce del sangue. Nel film sembra uno scontro tra gladiatori piuttosto che un incontro di boxe.
  3. I colpi a segno sembrano essere insignificanti per gli atleti mentre invece ci sarebbe dovuto essere almeno un momento per riprendersi (magari riprendere l'equilibrio).
  4. Dulcis in fundo: quale moglie e quale figlia potrebbero accettare a cuor leggero che l'uomo porti i soldi in casa grazie a questo tipo di incontri?? 
Insomma qualcosa andava sistemato per rendere il film più scorrevole..  Detto questo, il resto mi è piaciuto tutto: 

Una bella storia di redenzione
Il pugile tutto nervi e forza bruta che impara a dominarsi. Impara quali sono le cose importanti nella vita e incomincia realmente a lottare per esse.

Interpretazioni convincenti
Jake Gyllenhaal dà ancora un'ottima interpretazione. Sembra quasi che siano veri tutti i colpi che riceve, tutti i dispiaceri.. Anche Forest Whitaker dà un'ottima interpretazione nella parte dell'allenatore.

I personaggi molto reali (alcuni momenti eccezionali)
Qui il film tocca le vette più alte: il protagonista, campione del mondo di boxe ma che poi sapeva scrivere a fatica, la moglie del protagonista che oltre ad essere moglie è anche madre tanto che.. [non voglio spoilerare]. Il mondo cinico della boxe professionistica. L'allenatore(Forest Whitaker) con i suoi principi e i suoi chiaroscuri.
  
La comicità
Non ci crederete mai ma ci sono perfino dei momenti comici in un film del genere. Momenti comici che funzionano bene e spezzano la tensione. 

La colonna sonora
Le musiche del film mi sono piaciute con le due canzoni di Eminem che si fanno notare. [James Horner, alla cui memoria è dedicato il film, è l'autore della colonna sonora scomparso quest'estate]

Insomma un bel film. Peccato per le distrazioni perché poteva essere un altro filmone da mettere nella cineteca personale.
Però forse ci finirà lo stesso :D



About Giangiotto Malatesta

Techism is an online Publication that complies Bizarre, Odd, Strange, Out of box facts about the stuff going around in the world which you may find hard to believe and understand. The Main Purpose of this site is to bring reality with a taste of entertainment

0 commenti:

Copyright © 2013 Pariflessioni™ is a registered trademark.

Designed by Templateism. Hosted on Blogger Platform.