mercoledì 17 febbraio 2016

Diritti e Apple

Posted By: Giangiotto Malatesta - 02:54

Share

& Comment


Stando a quanto scritto oggi, la Apple si è rifiutata di rivelare il codice di sicurezza dell'Iphon dell'attentatore di San Bernardino (che bella faccia) Contravvenendo così ad un ordine diretto del giudice che si occupa del caso. Che dire? meglio la garantire la privicy (e quindi la libertà) o meglio garantire la sicurezza? Probabilmente è tutta una messa in scena. Apple di sicuro cederà il codice di sicurezza del cellulare dell'attentatore. Il caso è troppo grosso per rifiutarsi. Inoltre è difficile da difendere difronte all'opinione pubblica perché che privacy vuoi garantire a un terrorista e assassino? 

                                                        Si crea un precedente 

Ma perché la prossima volta vorrebbero rifiutarsi? Potrebbero realmente rifiutarsi ancora? Vogliono diventare la marca preferita dei terroristi di tutto il mondo? Cazzate. Qui mi sa che è solo questione di farsi un po' di pubblicità aggratis. Apparire La paladina dei diritti civili..
Paradossalmente il caso è anche controproducente perché rafforza l'opinione che è meglio se lo Stato ha accesso ai nostri dati... perché ci deve difendere!
Insomma un pasticcio in pena regola. Apple, ma perché non iniziare a garantire i diritti dei lavoratori cinesi che producono i vostri Iphon? 

About Giangiotto Malatesta

Techism is an online Publication that complies Bizarre, Odd, Strange, Out of box facts about the stuff going around in the world which you may find hard to believe and understand. The Main Purpose of this site is to bring reality with a taste of entertainment

0 commenti:

Copyright © 2013 Pariflessioni™ is a registered trademark.

Designed by Templateism. Hosted on Blogger Platform.