mercoledì 29 ottobre 2014

The RESIDENT EVIL within?

Posted By: Giangiotto Malatesta - 12:13

Share

& Comment





Dopo l'introduzione che potete leggere sotto o qui, andiamo a parlare di questo The evil within.


Lo dico subito a scanso d'equivoci: il verdetto è NO!
Non lo consiglierei se non sotto i 10€.
Perché?
Allora, innanzitutto ci sono dei difetti tecnici. Difetti che disturbano l'esperienza di gioco e trollano il giocatore.
Per primo le bande nere.Che razza mi dici che la risoluzione è x se poi in realtà è x - le due bande nere. Perché mettere due bande nere alla fine, e non progettare il tutto dall'inizio? Capita che devo guardare in basso e devo spostare la visuale... o peggio ancora, devo vedere se viene un nemico dal basso per poi sparare in alto; ebbene devo continuamente spostarmi perché fare entrambe le cose non si può (e se sbagli capita di dover ripetere il tutto perché i nemici sono tosti).

Cosa c'è vicino alle ruote dell'auto? Munizioni? Lo scoprirai solo calando la visuale.
A livello di risorse richieste, il programma è abbastanza esoso.. considerando che la grafica non è nulla di che.. mah?!
Ma andiamo oltre!
A livello di atmosfera, non ci siamo proprio! Ma proprio non ci siamo! Ti aspetti qualcosa alla Resident Evil e ti ritrovi un prodotto alla Silent Hill.. dal creatore della saga di Resident Evil??
Qui veramente sono rimasto spiazzato. A sto punto lo dovevano chiamare The silent within o The hill within!
Questa cosa dell'atmosfera è grave per la rivalità tra le due serie: per intenderci è come se si prende una Ferrari e la si chiama serie F-AMG con tanto di stella a tre punte e lo stemmino McLaren....
(senza contare che Silent Hill è una serie particolare, potrebbe non piacere a tutti; perché rifarsi proprio a una serie così??)
I salvataggi messi alla C di cane ancora ancora...
Può capitare di trovarne 2 vicinissimi ma due lontanissimi sono rari da trovare. Però trovarne due dopo 30 secondi... qualcosa è da rivedere.
Anche sulla difficoltà (che senso ha? su yt ci sono sempre tutti i video) o sulle fasi stealth si può chiudere un occhio.
Quello che però mi ha più di tutto scazzato è stata la storia. Peggio della storia del Resident Evil 4. Peggio. Quella almeno era lineare e semplice. Qui è confusa e pure piena di contraddizioni. Non mi vergogno ma lo ammetto pubblicamente: ma che fine ha fatto il collega di Sebastian? Boh? Ad un certo punto se ne sarà andato per i fatti suoi (in qualche altro videogioco). La moglie poi? Sparisce e non si sa niente. Viva, morta? Cosa avrà scoperto? Boh??? L'infermiera del manicomio? Boh?? Perché passare continuamente dalla dimensione del sogno alla... dimensione del sogno? [non è un errore: c'erano due dimensioni ma entrambe erano irreali] Boh?? Chi e come ha messo i protagonisti nelle vasche (alla Alien) che si vedono verso la fine del gioco? Boh?? Boh?? Se il cattivissimo era onnipotente, perché allora non ti facevi mai niente ogni volta?? Nel finale pare pure che l'accoppi... Boh?

Alcune parti poi, danno una sensazione di deja vu da Resident Evil 4. Facciamo che ci può stare. Poi però mentre giochi appare un mirino rosso da colpire...

Colpisci la mano e vinci la bambolinaaaa!
Ma che è? The house of dead? No, no. Mikami, così non si fa. Col C che mi fai fesso la prossima volta!!
Non mi aspettavo un capolavoro alla The last of us ma almeno qualcosa di decente!

BOCCIATO

About Giangiotto Malatesta

Techism is an online Publication that complies Bizarre, Odd, Strange, Out of box facts about the stuff going around in the world which you may find hard to believe and understand. The Main Purpose of this site is to bring reality with a taste of entertainment

0 commenti:

Copyright © 2013 Pariflessioni™ is a registered trademark.

Designed by Templateism. Hosted on Blogger Platform.